UN GIORNO DOPO L’ALTRO

In ricordo di Luigi Tenco

PRODUZIONE: Oltreilponte Teatro in collaborazione con la compagnia Barrito degli Angeli (Torino)
IDEAZIONE E DRAMMATURGIA: Beppe Rizzo, Marco Gobetti
VOCE RECITANTE: Marco Gobetti
PITTURA ESTEMPORANEA: Andrea Rugolo
PIANOFORTE, FISARMONICA, CHITARRA E VOCE: Beppe Rizzo
GENERE: Teatro di narrazione, musica dal vivo e pittura estemporanea
PUBBLICO: Adulti
DEBUTTO NAZIONALE:
giugno 2004, VIª Edizione della Festa della Musica di Pinerolo, Torino

Un musicista, un attore e un pittore per ricordare gli aspetti, umani e musicali, più misconosciuti del cantautore italiano Luigi Tenco (Cassine, Alessandria 1938 – Sanremo 1967).
Piemontese di origine, si trasferì a dieci anni in Liguria, entrò a far parte di quel gruppo di autori genovesi, per nascita o adozione, come Fabrizio De Andrè e Gino Paoli, che negli anni sessanta diedero un forte impulso al rinnovamento della canzone italiana.
Censurato talvolta dalla RAI per testi ritenuti scandalosi o troppo politicizzati, ebbe fama di personaggio scomodo. Trattando temi tradizionali come l’amore e la solitudine, Tenco abbandonava la retorica e i luoghi comuni, riversando in parole e musica una sensibilità inquieta e una sofferta esperienza personale. Il risultato furono canzoni scarne ed essenziali, dotate di un reale spirito innovativo, vicine alla vita quotidiana, capcaci di svelarne i lati in ombra e il senso di solitudine. Col suo stile intimista e la sua interpretazione carica di pathos, ha dato vita a testi di delicata profondità e lucida poeticità che appartengono al patrimonio della migliore canzone italiana d’autore.

compagnia oltreilponte teatro

contatti