AL PAESE DI POCAPAGLIA

Progetto Fiaba Popolare Italiana

PRODUZIONE: Oltreilponte Teatro in collaborazione con Istituto per i Beni Marionettistici e il Teatro Popolare
UNO SPETTACOLO DI e CON: Beppe Rizzo
IDEAZIONE FIGURE: Andrea Rugolo
REALIZZAZIONE FIGURE: Natale Panaro
FONTI: Fiabe Popolari Italiane di Italo Calvino, 1956
(tratto dalla fiaba La barba del Conte)
GENERE: Teatro di narrazione e d’animazione con baracca e burattini, musiche originali dal vivo
PUBBLICO: Famiglie e bambini dai 5 anni
DEBUTTO NAZIONALE:
aprile 2009, Festival ‘Il Gioco del Teatro’ – Vetrina di Teatro per le Nuove Generazioni, Fondazione Teatro Ragazzi e Giovani, Torino
PREMI E RICONOSCIMENTI:
Premio ‘Gianduja di Pezza’, miglior spettacolo di figura per ragazzi – VIIIª Vetrina Teatro Figura Piemonte, Pinerolo (Torino) – giugno 2010
Per la serrata commistione tra attore, burattini, musica e gioco teatrale, innestata sul tessuto del racconto popolare italiano

Pocapaglia è un paese di contadini brontoloni, pigri e sprovveduti. Solo Masino è il più sveglio e benvoluto, ma ha lasciato il paese per andare in cerca d’avventure e non è più tornato. Mentre i paesani attendo il suo ritorno, a Pocapaglia cominciano a succedere fatti misteriosi: ogni sera capita che buoi e vacche vengano rubati dalla masca Micillina, una strega che se ne sta appostata nei boschi sotto il paese e che, con un solo sguardo è capace di tramortire i pastori di guardia. I pocapagliesi impauriti chiedono consiglio al ricco Conte del paese, che però nega il suo aiuto e quello dei suoi soldati. Oramai disperati per le continue ruberie della strega, gli abitanti decidono di scrivere una lettera per implorare il ritorno di Masino. E proprio una sera Masino ricompare. Parte alla ricerca di Micillina, la trova, la cattura e la porta al cospetto dei paesani che, con stupore, assistono alla soluzione di un mistero che ha ben poco di soprannaturale. Dopo aver deciso la punizione per il colpevole e aver esortato il paese a rimboccarsi le maniche, Masino riparte per terre lontane. Da quel momento i pocapagliesi, che hanno capito la lezione, si scoprono meno brontoloni, meno pigri e cominciano a darsi da fare senza più chiedere l’intervento di nessuno.

Progetto Fiaba Popolare Italiana

Il progetto nasce con l’idea di cercare un nuovo modo per raccontare la fiaba italiana attraverso il teatro dei burattini, nel tentativo di avvicinare queste tradizioni di origine popolare al pubblico contemporaneo. Dopo l’esordio con la fiaba di Giambattista Basile (1634), il progetto approda all’opera di Italo Calvino (1923-1985) che tra il 1954 e il 1956 raccolse organicamente e registrò per iscritto le ultime testimonianze dei racconti e delle fiabe che si tramandavano oralmente in tutte le regioni d’Italia. “Al Paese di Pocapaglia” affianca l’immediatezza e la freschezza d’invenzione del teatro dei burattini alla presenza di un narratore che, entrando e uscendo dalla baracca, racconta e suona, coinvolgendo il pubblico in un gioco di partecipazione diretta alle vicende della narrazione.

compagnia oltreilponte teatro

contatti